Tracciare la presenza del covid-19 in fognatura per monitorare la circolazione del virus

Organizzare un sistema in grado di tracciare la presenza del virus Sars-Cov 2 sul territorio attraverso l’analisi e il monitoraggio dei reflui urbani: è questo l’obiettivo del progetto nazionale SARI (Sorveglianza Ambientale Reflue in Italia) a cui anche Viacqua, con il Centro Rive, prende parte.

L’analisi dell’acqua sporca in ingresso agli impianti di depurazione permette di individuare eventuali tracce del virus, e quindi di tenerne monitorata la circolazione.

I campioni di reflui vengono prelevati settimanalmente e inviati ai laboratori Arpav di Verona per essere sottoposti ad analisi di biologia molecolare, nel rispetto di un protocollo di studio definito a livello nazionale dall’Istituto Superiore di Sanità.

I risultati delle indagini biologiche permettono di evidenziare precocemente eventuali focolai, affinando così le strategie di intervento in un’ottica di prevenzione dei contagi e creando una vera e propria rete sentinella di sorveglianza epidemiologica.

L’iniziativa nazionale, partita a maggio, è coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità e vede il coinvolgimento di Regioni, agenzie ambientali, Ulss, università e gestori idrici del territorio.

In particolare, per la regione Veneto, sono stati coinvolti 9 impianti di depurazione gestiti dal consorzio Viveracqua e l’impianto di Casale di Vicenza, in gestione a Viacqua.



Data ultimo aggiornamento ultimo aggiornamento 22/02/2021
Viacqua gestisce il servizio idrico integrato in 68 comuni della provincia di vicenza.A
Preleva per tutti i cittadini acqua pulita e sana, la trasporta nelle case, la fa defluire quando è sporca e la restituisce depurata all’ambiente.
torna su