Estensione rete fognaria

Il trattamento adeguato delle acque reflue è un obiettivo fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio e per la riduzione dell’inquinamento dei corsi d’acqua. Purtroppo, sono ancora migliaia le utenze sprovviste di servizio di fognatura e depurazione.

Viacqua ha concordato con il Consiglio di Bacino Bacchiglione (l’autorità che sovrintende al ciclo integrato dell’acqua nel nostro territorio) un programma di sviluppo che prevede sia l’estensione della rete fognaria in zone non ancora servite, sia la riorganizzazione della rete predisponendo condotte separate per le acque nere e per le acque bianche. È un passo importante per la protezione dell’ambiente e la tutela dei fiumi ed è realizzato con il contributo di tutti i cittadini che pagano le bollette.

Il grande sforzo operato da Viacqua, per essere efficace, deve essere supportato dall’azione degli utenti. Per questo motivo i proprietari delle abitazioni situate nei Comuni interessati dagli interventi sono tenuti, entro un anno dall’ultimazione dei collettori pubblici, ad eseguire anche nelle loro proprietà tutti gli allacciamenti privati alle reti di fognatura pubblica: è un obbligo stabilito dal Consiglio di Bacino Bacchiglione. Alla scadenza del termine Viacqua inizierà ad addebitare in bolletta il corrispettivo di depurazione. In caso di mancata realizzazione delle opere di allacciamento, i Sindaci dei Comuni interessati potranno ordinare l’esecuzione d'ufficio a spese degli utenti inadempienti.

 

ESTENSIONE DELLA RETE FOGNARIA

Nelle zone servite da pubblica fognatura è vietato scaricare direttamente o indirettamente in altra canalizzazione, in corpi d'acqua superficiali, sul suolo o nel sottosuolo. Come previsto dalla legge, Viacqua realizza le tubazioni fino al pozzetto d’ispezione, mentre agli utenti spetta il compito di completare l’allacciamento, adeguando il tratto in proprietà privata.

Gli utenti interessati dai lavori di estensione fognaria sono tenuti a:

  • Adeguare l’impianto interno come richiesto nella lettera di fine lavori.
  • Inviare a iacqua la Dichiarazione di avvenuto allacciamento

 

Esonero dall’obbligo di allacciamento

L’utente che si trova nell’impossibilità di immettere i propri reflui in fognatura, per specifiche, documentate e gravi ragioni accertate con apposito verbale dell'ufficio tecnico del gestore, può effettuare lo scarico in una delle altre maniere consentite dalla legge.

Scarica il modulo di Richiesta esonero dal corrispettivo di fognatura e depurazione

 

SEPARAZIONE RETI

La rete fognaria costruita in passato nel nostro territorio è di tipo misto, ossia raccoglie in un’unica condotta sia le acque nere che le acque bianche. Oggi Viacqua sta progressivamente realizzando reti di tipo separato. Questo sistema prevede due tubazioni distinte: una per le acque reflue provenienti dagli edifici, dette anche acque nere, da avviare al trattamento di depurazione; l’altra da destinare esclusivamente alle acque meteoriche, dette anche acque bianche, che possono essere immesse direttamente nei corsi d’acqua.

Le tubazioni che in precedenza avevano raccolto la fognatura mista, vengono destinate esclusivamente alla raccolta delle acque di pioggia, che possono essere scaricate direttamente nei corsi d’acqua. Perché il nuovo sistema fognario possa funzionare correttamente è quindi necessario che gli impianti siano adeguati e allacciati correttamente anche all’interno delle proprietà private.

Gli utenti interessati dai lavori di separazione reti sono tenuti a: 

  • verificare la situazione nella rispettive proprietà, eventualmente con il supporto di un tecnico di fiducia
  • adeguare l’impianto e l’allacciamento alla condotta pubblica secondo le indicazioni qui sotto riportate

-  all’interno della proprietà le condotte che raccolgono le acque nere provenienti dagli scarichi devono essere separate da quelle bianche che raccolgono l’acqua di pioggia, proveniente dai tetti o dalle superfici pavimentate;

-  le acque nere provenienti dalla proprietà privata devono essere correttamente collegate alla condotta pubblica recentemente predisposta;

-  per le acque nere, devono essere eliminati o esclusi tutti i manufatti di decantazione eventualmente esistenti (vasche imhoff, fosse biologiche, altre vasche a tenuta), che potranno essere demoliti o riempiti con materiale inerte ben costipato.



Viacqua gestisce il servizio idrico integrato in 69 comuni della provincia di vicenza.
Preleva per tutti i cittadini acqua pulita e sana, la trasporta nelle case, la fa defluire quando è sporca e la restituisce depurata all’ambiente.
torna su