Scarichi industriali

Se la tua azienda ha uno scarico di tipo industriale, devi essere in possesso di autorizzazione unica ambientale (AUA) o di autorizzazione allo scarico per le acque meteoriche di dilavamento e la tariffa di fognatura e depurazione sarà calcolata sulla base della quantità e qualità dei reflui scaricati in fognatura.

Tariffa industriale

Misura dei volumi scaricati

Richiedere autorizzazioni allo scarico e pareri

 

Tariffa industriale

Con la deliberazione 28 settembre 2017 665/2017/R/idr, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (“Arera”) ha definito il Testo Integrato dei Corrispettivi Servizi Idrici (TICSI) rivedendo i criteri dell’articolazione tariffaria da applicare agli utenti industriali.
Con delibera n. 17 del 13 dicembre 2018 e successiva delibera n. 6 del 16 aprile 2019, il Consiglio di Bacino “Bacchiglione” ha approvato l'aggiornamento tariffario per gli anni 2018-2019 e ha adottato la nuova struttura tariffaria e i relativi coefficienti.

Riferimenti normativi
- Deliberazione ARERA n. 665/2017/R/idr del 28.09.17 
- Deliberazioni del Consiglio di Bacino Bacchiglione n. 17 del 13.12.18 e n. 6 del 16.04.19 -
 

Misura dei volumi scaricati

Se utilizzi acqua di acquedotto - Al fine della determinazione dei corrispettivi di fognatura e depurazione dei reflui industriali, nel caso non sia installato un misuratore allo scarico, il volume del refluo sarà assunto pari al volume fornito dall’acquedotto che gestiamo (D.Lgs. 152/06, art. 155, comma 4 e Regolamento di Fognatura e Depurazione dell’ATO Bacchiglione, Art. 21, comma 2).
Per allineare i consumi di acquedotto e ridurre le stime effettua autoletture periodiche. Particolarmente consigliata è la comunicazione della lettura al 31/12, da trasmettere entro il 31 gennaio di ogni anno.

Non è più necessaria la trasmissione della denuncia annuale di scarico reflui industriali in pubblica fognatura da parte delle utenze che si approvvigionano attraverso l’acquedotto pubblico.

Se utilizzi acqua in tutto o in parte da fonti diverse dal pubblico acquedotto (pozzi o sorgenti) devi comunicare ogni anno entro il 31 gennaio il quantitativo prelevato, ai sensi dell’art. 165 del D.Lgs 152/2006 e dell’art. 21 del Regolamento di Fognatura e Depurazione dell’ATO Bacchiglione, che integra le previsioni di legge. 
Se hai un misuratore allo scarico, trasmetti anche i volumi scaricati, effettuando una lettura del/i misuratore/i in prossimità del 31 dicembre di ogni anno.
Sarà cura di Viacqua inviarti, entro il 31 dicembre di ogni anno, l'apposito modulo da compilare.


Autorizzazioni allo scarico e pareri

Le domande di parere AUA e/o Autorizzazione allo scarico acque meteoriche di dilavamento vanno presentate in modalità telematica allo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) del Comune dove ha sede l’attività produttiva.

Nel portale SUAP dovranno essere inseriti i seguenti moduli debitamente compilati e sottoscritti.

- Richiesta di parere per lo scarico in fognatura di acque reflui industriali, da allegare alla richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) reflui industriali

- Richiesta di autorizzazione allo scarico in fognatura di acque meteoriche di dilavamento

 



Viacqua gestisce il servizio idrico integrato in 68 comuni della provincia di vicenza.
Preleva per tutti i cittadini acqua pulita e sana, la trasporta nelle case, la fa defluire quando è sporca e la restituisce depurata all’ambiente.
torna su